Miniere di Sale di Wieliczka. Polonia

Le miniere di Sale di Wieliczka, poste a circa 15 km dal centro di Cracovia sono raggiungibili in auto, pullman di linea e tour organizzati con trasferimento come ad esempio quelle di Getyourguide.

Tipologie di visite nelle miniere:Getyourguide propone due tipologie di pacchetti guida organizzati.
Il primo, come già detto, consiste anche nel trasporto dall'hotel fino alla miniera mentre il secondo solo il tour organizzato della Miniera con ritrovo lì vicino.  Dal sito ufficiale delle Miniera è possibile acquistare anche il biglietto per: visita invidiale e percorso minerario.
Nel percorso minerario vi verranno dati i vestiti da lavoro dei minatori per ricreare le tradizioni e la vita dei minatori della miniera.  
Attività nelle Miniere di sale e Spa: La miniera di sale, utilizzata fino al 1996 per l'estrazione è anche un centro benessere/medico con Spa.
Il microclima presente dentro la miniera offre benefici respiratori per tutti, ma soprattutto per chi soffre di allergie e/o ma…
Booking.com

Macarons Vegan

Macarons+paris+vegano

Ingredienti:

250 g. di Acquafaba;
150 g. di farina di Mandorle;
130 g. di zucchero semolato;
110 g. zucchero a velo;
5 g di Crema Tartara;
pizzico sale;
qualche goccia essenza di vaniglia;
colorante alimentare a scelta.

Procedimento: 

  • Per creare l'Acquafaba vi serviranno 250g di ceci secchi o due scatole di ceci in scatola.
    Se scegliete di creare la famosa Acquafaba con i ceci secchi, dovete metterli in ammollo per una notte. Scolateli dall'acqua e metteteli a bollire per due ore. Raccogliete l'acqua di cottura e fate addensare.
    Mettete a raffreddare l'Acquafaba.
    NB. Anche se utilizzate l'acqua dei ceci in scatola dovrete farla addensare e raffreddare prima dell'uso.
  • Setacciate la farina di mandorle con lo zucchero a velo, per ottenere una polvere leggerissima. 
  • Prendete l'Acquafaba, aggiungete un pizzico di sale e la Crema Tartara.
    Montate a neve con delle fruste elettriche. 
  • Quando avrete ottenuto l'Acquafaba a neve aggiungetela le polveri e mescolate.
    Dovrete cercare di incorporare ulteriore aria, quindi fate dei movimenti dall'alto verso il basso.
    Aggiungete la vaniglia e il colorante alimentare amalgamando il tutto. 
  • Spostate il composto in una sacca da pasticcere. Preparate la placca da forno con la carta oppure l'apposito stampo per i Macarons.
  • Create dei cerchi. Ricordatevi che l'impasto si allargherà in fase di cottura, quindi distanziate i cerchi. 
  • Quando avrete fino l'impasto, sbattete la testa sul piano da lavoro. Questo eviterà la formazione di bolle in fase di cottura e livellerà la superficie.
  • Lasciate a temperatura ambiente l'impasto per almeno 1 ora prima di informare. 
  • Nel mentre potete iniziare a preparare il ripieno. Ad esempio: sciogliete del cioccolato fondante con due cucchiai di bevanda di soia, amalgamate e avrete una ganache al cioccolato. Ricordate che la crema di farcitura non deve essere troppo liquida altrimenti scioglierà i macarons. 
  • Passata 1 ora, informata in forno ventilato preriscaldato a 120° per 30 minuti. Dopo abbassate il forno al minimo (nel mio caso 100°) per altri 15 minuti.
    Spegnete il forno e aprite leggermente la porta per far raffreddare prima di sfornare.
  • Quando i macarons saranno completamente freddi, guarnite con la farcitura.

Consiglio: 

Sia in versione normale che in questa, i Macarons possono risultare super croccanti, (tipo gli amaretti) dopo un paio di ore diventano della giusta consistenza. 
Non vi aspettate che lievitino molto a differenza dei classici.
Quando ho provato la prima volta a creare i Macarons (con le uova) ho seguito un consiglio di casa Ladurée ovvero, ho preso le mandorle da pelare e mi sono auto creata la farina.



Macarons+Vegan
Questo è quello che capita quando la farina di mandorle non fine!