Insufficienza renale gatto.


Insufficienza renale gatto. Quando la diagnosi non è corretta. 

insufficienza+reni+gatto

I problemi renali nei gatti sono un tallone d'Achille molto diffuso, che può portare a gravi conseguenze se non curati in tempo o sé non si crea una prevenzione. 
Esistono milioni di siti e guide che vi spiegano come riconoscere i sintomi. Come scegliere il miglior alimento e integratore per il vostro gatto e come stare attenti a una costante idratazione.
Ma adesso ipotizziamo che il vostro gatto sin da cucciolo beva molto, mangia molto e soprattutto urina molto. 
Un giorno, come altre volte, gli somministrate un sedativo per trasportarlo in auto, ma questa volta il vostro animale ha un collasso. 
Perde i sensi per attimi che vi sembrerà un'eternità e poi si riprende. 
Voi nel mentre, gli starete bagnando la testa e avrete chiamato il pronto soccorso animale per sapere cosa fare. 
Da lì parte tutto un iter. 
  1. Come ad esempio: cercare un nuovo veterinario, perché il precedente già da un po sembra poco interessato alla salute del suo paziente. 
  2. Trovare veterinari disposti a venire a casa per visitare il gatto (che a quanto pare non è pratica molto diffusa). 
  3. Cercare di fidarsi di un veterinario e cercare di comprenderne le competenze. 
Nel mentre però vi mettere a cercare su internet le possibili cause di quel collasso e i possibili esami per fare delle verifiche. 
Il veterinario vicino a casa vi propone un esame del sangue, un'elettrocardiogramma e l'esame delle urine. 
Di base questi sono gli esami che tutti consigliano. 
Quindi fate sottoporre il vostro gatto a questi esami e qui inizia il problema. 

Qual'è il problema più grande? Il non saper leggere gli esami e quindi dichiarare una patologia che non c'è!


Oggi sono 2 anni che ho aperto questo blog. Il blog nasce soprattutto per sentire altre esperienze e aggiungere notizie non trovate online, durante quella notte passata a controllare lo stato di salute di Strillo dopo avergli somministrato il famoso Killitam. Il post è il seguente link.
Bene, dopo 2 anni, 3 veterinari e un trasloco, lunedì ho ricevuto la conferma che Strillo non soffre di insufficienza renale! 
I suoi reni funzionano benissimo e al momento ha un po di infiammazione (tracce di sangue nelle urine). 
Nulla di cui preoccuparsi, adesso dovrà prendere degli integratori per un mese e poi rifare gli esami delle urine. 
Gli integratori sono il Cystophyto e il Urys.

Nel corso di questi 2 anni, passati con l'ombra dell'insufficienza renale e dei suoi sintomi catastrofici; degli integratori e del cibo per quella patologia (senza considerare il prezzo astronomico e la consegna dalla Germania per una marca venduta solo online o in Slovenia), ho scoperto delle cose importanti:
  1. Molti veterinari consigliano il Killitam senza altre possibilità anche sé di calmanti per trasportare il vostro gatto c'è ne sono moltissimi. 
  2. La veterinaria che aveva dichiarato un'insufficienza renale cronica a Strillo, ha creato danno fisici ad altri animali. In pratica ha amputato una zampa rotta che poteva essere salvata a un gatto di una persona che ho conosciuto. Quindi dobbiamo stare attenti a quello che ci viene detto e se notiamo delle anomalie, verificare ponendoci delle domande.

    Questo non vuol dire credersi veterinari nati, ma non fa male leggere informazioni e se trovate anomali, sentire un secondo parere. 

  3.  Esistono animali tra cui i cani e i gatti, che fingono mancamenti sembrando morti.
    E qui sinceramente si aprono ancora più quesiti su quello che è successo quella notte. Diciamo che come molti gatti che passati i 10 anni di età diventano più affettuosi, ma anche più legati alla propria casa, una possibile finzione di malessere per non farsi portar via può succedere. E questa teoria dell'interpretazione di Strillo, potrebbe spiegare perché gli esami non presentavano grandi problemi (tranne che deve stare a dieta), che dopo neanche mezz'ora chiedeva di mangiare; dopo due ore è ancora correttamente in bagno e quando siamo andati via saltellava e correva per casa. 
  4.  L'ultima scoperta è una possibile teoria dell'attuale veterinaria di Strillo.
    Forse il Killitam può aver alterato i primi esiti degli esami delle urine e alterato la pressione creando un pseudo collasso. 
  5. Le cure per i gatti con insufficienza renale esistono, ma attenzione: se la patologia è già troppo diffusa non possono essere efficaci. 
  6. I gatti con insufficienza renale devono mangiare molto, ma generalmente sono senza appetito. Iniziano a dimagrire e a fare molte urine. 
    Il primo segnale d'allarme può essere proprio la troppa urina, che vuol dire che i reni non riescono a trattenere le sostanze. Però ricordate che anche un gatto che ne fa troppo poca può nascondere dei problemi. 
    La perdita di peso è un'altro segnale. 

Per quanto riguarda il peso di Strillo continua a mantenere i suoi 9 kg per 1 metro di gatto. 
Per il cibo è costantemente in fase di richiesta e attende una mia distrazione per rubare quello che sto cucinando direttamente dalla pentola o dal piatto. 
Chiunque venga a casa deve dargli un pezzettino di quello che sta mangiando e i dolci alla carota continuano a essere i suoi preferiti. 
Quindi non si può lasciare nulla incustodito. 
Rispetto a diversi gatti che ho visto con questa patologia, lui non ha mai rispecchiato i tipici sintomi.  



insufficienza+reni+gatto


Post popolari in questo blog

Gatto in viaggio. Killitam e similari

Budapest. Tra Art Nouveau e modernità.

Villach. Austria.