Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2018

Mercatini di Natale

Immagine
Mancano 2 mesi a Natale e di conseguenza a capodanno.
Tempistica perfetta per decidere e pianificare un bel viaggio, con la classica atmosfera natalizia è sicuramente visitare un paese con i mercatini di Natale.
Vi presento 8 possibilità!





Parigi
Tutta la città si prepara per Natale a partire dal 3 novembre. I principali ritrovi sono presso il mercatino davanti a Notre-Dame, con la vendita di: gioielli, ceramiche e articoli per la casa; presso Les Halles anche per ammirare gli ornamenti del grande abete; il villaggio della De La Défense con la presenza di oltre 300 espositori è classificato uno dei mercatini più grandi. E per finire la pista di pattinaggio e mercatino ai piedi della Torre Eiffel.
Da visitare il centro commerciale La Fayette per vedere gli sfarzosi allestimenti creati al suo interno.
La notte di Capodanno, sotto la Torre Eiffel, si fa festa aspettando i giochi pirotecnici per salutare il nuovo anno.
Gli allestimenti iniziano a fine novembre fino al 1 gennaio.
Per ulteri…

Torta di zucca e amaretti. Halloween

Immagine
Ingredienti:

170 g di Farina;80 g di Amaretti sbriciolati;2 uova;300 g di zucca;300 g di carote;20 g di cacao amaro;40 g di olio di mais;1 bustina di Lievito per dolci (16 g) ;1 bustina di zucchero vanigliato (8 g) ;1 pizzico di sale, cannella, curcuma e zenzero in polvere.Preparazione:

Pulire la zucca rimuovendo la buccia e i semi. Tagliatela a pezzi, mettetela in una ciotola per microonde insieme a un dito di acqua. Fate cuocere per 6 minuti o finché non sarà morbida.
Nel caso di mancanza del microonde mettetela a cuocere a vapore in pentola o nel forno, al fine di farla ammorbidire. Pelate, tagliate le carote. Cuocete nel modo che più preferite (microonde, vapore o pentola con acqua bollente) per 3/4 minuti.In un mixer sbriciolate gli amaretti e metteteli da parte. Sempre nel mixer passate la zucca e le carote. In una ciotola mescolate gli amaretti sbriciolati con il cacao, la farina, il lievito, lo zucchero e le spezie. Dividere le uova. Montare a neve gli albumi con il sale. Amalga…

Blogger o Wordpress? Su cosa aprire un blog?

Immagine
Premetto che questo sarà un post con una nota polemica.

Però dovete concedermelo, perché dopo aver letto tantissimi blog e siti che parlano di queste piattaforme, sono un pò stufa di leggere certi... estremismi.
Quante volte avete sentito storie di blogger che hanno trasformato la loro passione in un lavoro?
Quindi direi che le affermazioni scritte da certe persone, nelle quali sostengono che Blogger serva solo come diario personale o per hobby, non siano completamente corrette.

Prima di tutto: perché vi serve un blog?
Se la vostra idea è quella di aprire un'attività commerciale online o di attirare più clienti grazie a un sito online e un blog, così da creare una community, bene, Blogger non è il posto che fa per voi. Di base per questa tipologia di attività si sceglie WordPress oppure ci si affida a programmatori che creano un sito con il pagamento di hosting e dominio.

Se invece decidete di iniziare un blog al fine di divulgare le vostre conoscenze, Blogger potrebbe essere un …

Frittelle di zucca. Pumpkin Fritters. Vegan

Immagine
Ingredienti:
750 g Zucca;250 g di Farina;150 g di Zucchero;1 Limone;150 g di Cioccolato amaro;3 g. di Cremor Tartaro;6 g di Amido di Mais + 6 g di farina di Tapioca (oppure aumentare la dosa di amido di mais.) Uvetta sultanina;Vino bianco o Grappa;Pinoli;Cannella in polvere (pizzico a piacere);Olio per friggere.Preparazione:
Mettere a bagno l'uvetta con il vino bianco. Sbucciare la zucca e sbollentare per 5 minuti in acqua (o finché non sarà morbida da poterla schiacciare nello schiacciapatate.Mescolare tutte le polveri con lo zucchero, i pinoli, il cacao, la buccia del limone grattugiato, l'uvetta scolata con la polpa della zucca. In caso l'impasto risulti troppo liquido aggiungere più farina. Scaldare l'olio e mettere a friggere le frittelle create con due cucchiai. Scolate e asciugate le frittelle prima di spolverizzare con lo zucchero a velo. Yum




Strudel friulano e Strudel personale.

Immagine
Strudel o Strucolo (come viene chiamata il Friuli-Venezia Giulia ) ha tantissime varianti e ricette. Già da Udine a Trieste o da Trieste a Gorizia, ogni pasticcere o massaia mette il suo ingrediente diverso.
Ma anche se ci spostiamo in Slovenia o in Austria il gusto cambia.
Uno strudel che avevo mangiato a Salisburgo aveva una cosa simile al mio: la Cannella in grande quantità!
Qui vi metterò prima la ricetta classica e successivamente la mia ricetta personale. Un ingrediente mi è stato tramandato dalla mia bisnonna paterna.

Strudel classico con Ricotta. Ingredienti:

300 g. di Farina;1 noce Burro o margarina;Sale;300 g. Ricotta fresca o Mele e Pere;Uvetta;1 cucchiaio di Zucchero;1 Limone;Noce Moscata;Cannella;Pangrattato;1 uovo.
Procedimento:
Preparate la pasta. Impastate la farina con il burro (o margarina) fuso, un po di acqua tiepida e un pizzico di sale. Impastate molto bene e verificare che si stacchi completamente dalla spianatoia. Lasciate riposare (coperto) l'impasto per 30 mi…

Riciclo torte a base d'acqua. Vegan Cake

Immagine
Qualche giorno fa ho visto un video su Instagram per riutilizzare una torta.
Nel video viene sbriciolata una torta morbida al cioccolato, rimpastata con un cucchiaio di cioccolato fuso e stesa con un mattarello. Viene poi stesa una crema e arrotolata per creare un tronchetto.

Qual'è il primo pensiero? Wow, anziché creare una pasta biscotto per il rotolo di natale, creo sta roba!

Io però, le torte le ricreo in versione Vegan da quando il mio stomaco ha deciso di non tollerare più tutti i prodotti caseari con il lattosio (sono intollerante al lattosio) e le uova; quindi ieri sera ho creato una torta al niente o a base d'acqua, e poi ho cercato di creare il rotolo. Risultato? Si stava sfaldando in mano.

Ho provato con la torta calda, ho provato con la torta fredda, ho messo due cucchiai di olio di cocco, ma alla fine il mio rotolo è diventato... una torta dentro lo stampo del plumcake.

Questo per dimostrare che non sempre viene tutto al primo colpo e che magari le foto che si ve…